PensieriMai sottovalutare o giudicare il dolore degli altri

14/02/2019 - 15h

Quando un altro soffre, è facile pensare che le parole di incoraggiamento e catene con messaggi motivazionali alleggeriranno il dolore, dopo tutto, funzionano per te. È facile credere che un pomeriggio di caffè o una maratona di film comici ti faranno dimenticare ciò che ti affligge, perché è ciò che funziona per te, ma nessuno risponde nello stesso modo.

Chi soffre, è stanco di sentire parlare del "lato positivo", di mettersi una faccia coraggiosa nel mondo e carcare di convincersi che "il dolore ti porta un profitto".

 La sua mente non funziona così. 

Ed è peggio quando non lo vedi, quando pensi che sorridano, che conducono una vita di farfalle e arcobaleni. Non dovremmo incolpare noi stessi, dopotutto, quello che vediamo è solo ciò che accade all'esterno. Ma è giusto perché non conosciamo le battaglie interne che ognuno ha, e non dovremmo giudicare o criticare.

Nessuno si accorge se, sotto un sorriso, c'è dolore e stanchezza, solitudine e confusione.

Per alcuni, il dolore finisce per diventare una lotta devastante per sopravvivere giorno dopo giorno. Per alcuni, i momenti di tristezza sono come annegare nel mare, come rimanere senza aria mentre si guarda gli altri respirare tranquillamente. Per alcuni, non è uno stato mentale, è una malattia mentale che non accadrà solamente durante la notte.

Ma dal momento che nessuno ha la capacità di vedere cosa succede all'interno di un'altra persona, non possiamo sottovalutare il loro dolore o credere che risponderanno come normalmente faremmo noi. Ci sono cuori più fragili di altri e menti più sensibili di altri. Non è debolezza, è solo la nostra condizione mortale che ci fa agire e reagire in modi diversi al dolore.  

Devi essere più empatico e comprensivo. Il giudizio è un istinto naturale, ma devi pensare prima di parlare. Non è possibile "mettersi nei panni dell'altro" e anche se non sapremo mai realmente cosa sta succedendo, è un modo per assumere una posizione più neutrale.

Non importa se le tue intenzioni sono di incoraggiarlo o di dargli un colpo di realtà come una spinta, alla fine, chi soffre molte volte è al di là di un lasso di tristezza. Hanno bisogno di aiuto, non di essere sgridati o ricevere consigli su come faresti tu le cose.

Potete immaginare se a una persona con una gamba fratturata venisse consigliati di camminare per abituarsi al dolore e quindi smettere di pensarci? Lo stesso vale per qualcuno che sta attraversando un grande dolore.

Dobbiamo de-etigmatizzare le malattie mentali e che il trattamento professionale è un aiuto necessario. La tristezza può trasformarsi in depressione e depressione in tragedia e questo può essere prevenuto.

Se superiamo l'idea che le persone depresse sono "strane", "deboli" o "esagerate" e invece accettiamo che soffrono una condizione che merita di essere sollevata dalla mano di professionisti, comprensione e amore, offriremo una mano invece di un processo ingiusto.

Cosa ne pensi? Lascia un mi piace e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Tags
maisottovalutaregiudicaredolorealtrui
Loading...