CuriositàOgni persona adottata aveva una madre che le augurava una vita migliore per amore

02/03/2019 - 13h

I genitori adottivi amano i loro figli prima ancora di raccoglierli per la prima volta, perché la gestazione, che è il periodo di attesa per l'adozione, non viene eseguita nell'utero ma nel cuore. 

Non è semplice pensare che l'adozione avvenga sotto una trama d'amore, né per liberarsi del senso di rifiuto, per quanto piccolo possa essere.

Consegnare un bambino per l'adozione non richiede né coraggio né tale generosità, ma un forte senso di incapacità, anche se irreale, di creare un essere umano. Potrebbe essere una grande limitazione finanziaria, psicologica o addirittura d'età, ma nessuna madre rinuncia in realtà a suo figlio, lei crede solo di metterlo nelle mani di coloro che possono offrirle lui una vita molto migliore.

E questo senso di incapacità di vedere un essere umano deve essere molto più grande del dolore di lasciare che il bambino vada in una nuova famiglia, anche se è una casa infinitamente migliore.

Perché fa male, sì, e, qualunque sia il tempo che passa, questa madre non dimenticherà mai quel bambino indifeso che è uscito dal suo ventre, ma non aveva le condizioni minime per mantenerlo.

Una madre che ama e ha stima di sé non rinuncerebbe mai al figlio. E una madre che non ama, non avrebbe mai avuto un figlio. Pertanto, lasciare adottare un bambino non è un rifiuto della disaffezione, ma un atto di amore per una persona con scarsa autostima.

E l'atteggiamento più salutare per coloro che sono stati adottati è capire che non era riluttanza per averlo dato in adozione, era debolezza.

Non è semplice pensare che l'adozione avvenga sotto una trama d'amore, né per liberarsi del senso di rifiuto, per quanto piccolo possa essere. E non c'è alcun senso di colpa nel sentirsi in questo modo o avere domande, dopotutto l'adozione è un movimento che può lasciare dei dubbi, soprattutto quando le persone sentono che non rinuncerebbero mai a un bambino.

Ma ognuno testa una fase. Non siamo nel posto in cui una madre prende una decisione del genere, quindi la cosa più importante è capire che il bambino non è mai stato abbandonato, solo una madre che desiderava che la sua vita fosse migliore, in ogni modo, di quella che in realtà poteva darle lei, anche se, dopo tutto, non è vero.

Allo stesso modo, l'adozione è un atto d'amore.

E solo per amore, perché non c'è obbligo, ma piuttosto una scelta fatta da un enorme desiderio di prendersi cura e crescere un figlio. I genitori adottivi amano i loro figli prima ancora di raccoglierli per la prima volta, perché la gestazione, che è il periodo di attesa per l'adozione, non viene eseguita nell'utero ma nel cuore.

È un amore che è stato segnato per essere, perché, in questa vastità di tempo e spazio, solo una grande cospirazione dell'universo è in grado di provocare un incontro così bello tra una famiglia e il figlio adottivo.

Perciò è un incontro fatto sotto i più alti disegni di Dio, che permette a un'anima di trovare sempre la sua strada per amare, sia attraverso il grembo materno che non.

Pertanto, un bambino potrebbe non avere gli occhi o il sorriso della sua madre adottiva, ma avrà sempre il suo cuore. Perché, per la verità, l'adozione di un bambino è molto più che salvare un bambino da un possibile triste futuro e sofferenza. Adottare è salvare se stessi attraverso l'amore che Dio ha piantato nel cuore per essere meravigliosamente capace di prendere come proprio e amare un bambino generato da un'altra persona.

Pertanto, non ho dubbi che i genitori adottivi, siano angeli inviati dal cielo.

Tags
genitoriadottivibambinipersoneadottate
Loading...