Curiosità"Per noi, vigili del fuoco, ogni vita merita il nostro sacrificio"

03/02/2019 - 14h

Un vigile del fuoco non termina mai le sue attività professionali in servizio, lascia la caserma dopo 24 ore di lavoro e va incontro alla sua famiglia consapevole che potrebbe dover lavorare sul campo.

Quando entriamo nel trasporto pubblico, possiamo vedere chiaramente l'espressione di sollievo sui volti delle persone. Ci rendiamo conto che siamo i benvenuti e che la nostra presenza trasmette sicurezza e protezione. È come se le persone dimenticassero che dentro quell'uniforme abitano un fragile essere umano come loro, ci vedono come qualcuno che farà la differenza se succede qualcosa di brutto.

Questo sguardo di rispetto e fiducia che riceviamo dalla gente produce in noi due sentimenti paralleli: 

Una profonda soddisfazione e allo stesso tempo un'ansia espressa dalla paura di non corrispondere a ciò che si aspettano da noi. Abbiamo la sensazione di essere vegliati, non che ci sentiamo come una celebrità, ma perché siamo identificati come i primi a cui rivolgersi in un caso di pericolo imminente.

Non importa se andiamo all'ospedale con un bambino malato, o se stiamo andando a una sepoltura di una persona cara. Dentro l'uniforme, abbiamo emesso questa forza inflessibile a chiunque ci guardi, a quanto pare.

In generale, perdiamo la nostra identità personale e siamo ricordati per la nostra identità professionale. Abbiamo smesso di essere chi siamo. Siamo visti così dai nostri vicini, colleghi di college, i saloni di bellezza che frequentiamo, i negozi locali... e presso le scuole per bambini. Siamo diventati anche dei punti di riferimento, qualcosa del tipo: l'appartamento è del Vigile del fuoco, mio figlio è andato a suonare a casa del figlio del vigile del fuoco.

Quello che poche persone sanno di noi è ciò che accade quando piangiamo sotto l'uniforme mentre salviamo qualcuno a seconda della natura dell'evento. Ci dissanguammo con i genitori di quell'adolescente che morì in una notte piovosa in un incidente automobilistico. È inevitabile pensare ai nostri figli che mentre ritorniamo a casa.

Succede che piangiamo a casa, mentre ci togliamo la divisa e ci percepiamo vulnerabili come quella vita che è stata raccolta dalla violenza. D'altra parte, nel turno successivo, mentre rientriamo nell'uniforme, siamo pieni di forza e fede.

Manteniamo le nostre fragilità e le nostre pene nelle nostre tasche e rimaniamo pronti a fare del nostro meglio per coloro che hanno bisogno del nostro aiuto.

Durante le ardue missioni, ignoriamo la fatica estrema, il freddo, il caldo, il dolore fisico, la fame... la sete. Tutto ciò è irrilevante per il dolore dell'altro. Troviamo forza, non sappiamo dove, ma non ci arrendiamo mai. È normale per noi lasciare il piatto del cibo nella caffetteria e correre quando suona la campanella.

Quando entriamo in carica, alla laurea, facciamo un giuramento in cui ci impegniamo a sacrificare le nostre vite per il bene di altre vite. Ogni volta che un pompiere m*ore, noi colleghi ci sentiamo orfani e spaventati. I vigili del fuoco sono velati in uniforme, i nostri figli hanno paura di assistere a queste scene, puoi immaginare il motivo, giusto?

Infine, voglio solo ringraziare e congratularmi con i miei fratelli in uniforme. Hanno tutta la mia gratitudine, il mio rispetto, il mio abbraccio e la mia ammirazione.

Tags
vigilifuocopimpierivitesalvateonorelavoro
Loading...