CuriositàPersone insostenibili e persone insormontabili

03/02/2019 - 14h

l primo è colui che vive alla ricerca di altri per sorreggersi, perché non sa, o non vuole sostenersi da solo. Proprio come dice la radice della parola stessa, hanno bisogno, quindi, di usare altre persone come supporti per sostenere il peso dei loro problemi, conflitti, paure, insicurezze e rivolte. È qualcuno che si appoggia ad altre persone, cercando di succhiarne la forza, la luce, il merito.

Diventa, quindi, un vero "macigno" vivo. Quasi letteralmente ha bisogno di un "cammello" per questo, dal momento che il cammello è un animale che è sempre servito a questo scopo.

Perché non può sopportare il peso del suo apprendimento da solo nella vita o, come disse Gesù Cristo, non può "sopportare la propria croce", cerca di lanciare questa croce su qualcuno che pensa di avere "l'obbligo" di sopportare per lui (ricordando che quando Gesù pronunciò queste parole, non era ancora stato crocifisso.

Pertanto, non si riferisce alla croce romana, che è un simbolo della sofferenza, ma alla croce come un simbolo mistico di autorealizzazione spirituale, la cui barra verticale si riferisce alla relazione con il nostro Dio interiore, il nostro Cristo interiore, che agisce sulla barra orizzontale, che rappresenta la nostra relazione karmica con il mondo e le persone).

Pertanto, è un uomo competitivo, invidioso che ha bisogno della luce di qualcuno per cercare di svilirlo e esaltare se stesso.

Di solito, riteniamo insopportabile quella persona noiosa, sfacciata, critica, arrabbiata, irritata, insoddisfatta della propria vita, con la tendenza a giudicare e svilire gli altri per come sono e agiscono. Invece di mettere energia nella loro vita e nei loro obiettivi, preferisce per seguire la scorciatoia.

E per smettere di attirare o permettere alle persone insopportabili di stare al tuo fianco, non accettare il gioco delle critiche, il tentativo di infondervi sentimenti di colpa e indebolirvi.

Fidati di te stesso, esci da questa vibrazione e lascia che la persona si rannicchi con il suo groviglio di amarezza finché, un giorno, non riuscirà a imparare a ricevere e dare amore, gentilezza e gratitudine.

In breve, non accettare il peso di imparare dagli altri a scapito di essere danneggiato. 

Non farti offendere o ferire, se ciò accade allontanati! Ciò che non si somma e rende il tuo cammino più difficile è il peso m*rto.

C'è anche il secondo tipo di individuo: l'insuperabile! 

È colui che si sostiene, conosce il suo valore, la sua forza, la sua responsabilità prima della vita in evoluzione. Non proietta sugli altri le sue difficoltà, agisce con maturità e continua a crescere, anche se ha dei contrattempi da superare.

È consapevole che le persone possono persino aiutarlo, ma non sono grucce, e non dovrebbero essere calpestati per dargli un impulso, così come la persona insopportabile quando incontra alcuni "cammelli" emotivi.

La parola insuperabile deriva dal latino - in- , negativo, più Superare di super- , "vincere, conquistare, dominare," vale a dire, uno che non vince, non domina, non conquista. L'insuperabile è già un individuo che si è conquistato completamente, che autodomina, se stesso e il mondo dell'ego che ha vinto, e ora vive nella esaltazione del suo "io".

Possiamo vivere in un mondo di persone che sono risvegliate, insuperabili, ma che aiutano se stesse, chi si sostengono a vicenda, senza sopportare il destino degli altri!

L'insopportabile compete, cercando di eccellere e superare l'altro, e proprio per questo si perde, perché non conosce il suo valore, vive preoccupato per il "prossimo".

Ma l'insuperabile cerca solo di superare se stesso nelle sue imperfezioni, e quando vince nel mondo, è perché prima si è sconfitto!

Tags
duetipipersonemondoinsostenibiliinsormontabili
Loading...